L'assistenza fornita all'ISIS dalla Nato era stata annunciata trionfalmente, appena tre anni fa, con dovizia di particolari dal giornale britannico "Daily Star" (2012): truppe speciali del SAS e agenti segreti del MI6 avevano allestito campi sul confine siriano per accogliere "ribelli" in fuga dalla Siria. In tal modo la presenza di truppe e servizi segreti NATO sul territorio siriano, nota da tempo, era ufficialmente riconosciuta, e persino celebrata. Che l'agenzia di mercenari statunitense Blackwater fosse stata incaricata dagli USA di addestrare i ribelli islamisti anti-Assad, in campi al confine con la Turchia, era stato riportato dalla stampa turca e da alcuni giornali occidentali. (3) Altro dato riferito dalla stampa, ma poi caduto nel dimenticatoio, riguarda i trasferimenti di armi della CIA ai "ribelli" siriani. (4) A proposito di coerenza e lucidità mentale nella lotta al terrorismo.

 

 

2)  http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.dailystar.co.uk/news/latest-news/254674/SAS-set-up-safe-camps-in-Syria&prev=search  

3)  http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.presstv.ir/detail/2012/08/01/253933/us-mercs-training-syria-rebels-in-turkey/&prev=search 

4)  http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.businessinsider.com/benghazi-stevens-cia-attack-libya-2012-11&prev=search 

 

Il programma "Report" è, normalmente, un esempio di giornalismo per noi del FdMP, ma quando giunge a spiegarci che i pagamenti elettronici evitano i furti di contante ai pensionati all’uscita della posta e costringono il venditore di caldarroste, famigerato evasore milionario, a lasciare finalmente traccia dei suoi lauti guadagni, ci viene il dubbio che, forse, dietro la facciata progressista vengano proposte soluzioni che fanno la gioia dei soliti noti. Report non dice, infatti, che le carte di credito, i sistemi di pagamento elettronico, i bancomat sono anche eccellenti metodi per lucrare su qualsiasi pagamento o transazione, oltre che strumenti per indurre all’indebitamento (vedi “bolla” americana, crisi in Grecia, …). Nel libro dei sogni delle banche, delle società  finanziarie e delle agguerrite agenzie di recupero crediti, c’è sicuramente quello di una Umanità indebitata a vita, non nei nostri. Se all’estero tutto questo è già realtà, perché non diffidarne e provare altre strategie?