Agonismo è un termine di etimologia greca che significa lotta. Da sempre lo sport, la politica, la scuola hanno rappresentato luoghi in cui la competizione e il confronto tra due parti o posizioni costituiscono stimoli ed incentivi al miglioramento di sé. Anche nelle favole o fiabe, comunemente intese come fonte di insegnamento di valori e di morale per i bambini, vi è un personaggio definito antagonista, nemico da sconfiggere per giungere a lieto fine. Analogamente, nell’ambito scolastico una sana competizione volta al miglioramento di sé porta ad effetti positivi di crescita e maturazione del gruppo, anche grazie al confronto critico.

Nel caso in cui gli studenti avessero una mentalità infantile e immatura, questo "gareggiare" potrebbe avere sbocchi negativi, dando origine a comportamenti scorretti e altamente pericolosi, soprattutto nel periodo dell'adolescenza, come il bullismo nei confronti di persone più deboli, dovuto spesso alla gelosia.

Anche tra i militari, benché le regole siano ferree sono spesso accaduti casi di bullismo, anziché la più auspicabile collaborazione tra commilitoni. Ciò dimostra che l'istinto alla competizione è naturale, come diceva Darwin, attribuendolo alla legge dell'evoluzione. Lo spirito di gara dovrebbe in realtà tendere solo al miglioramento della specie.

Secondo Erasmo da Rotterdam, teologo, umanista e filosofo olandese: "cane non mangia cane; i feroci leoni non si fanno la guerra, il serpente non aggredisce il suo simile; vi è pace fra le bestie velenose. Ma per l'uomo non c'è bestia più pericolosa dell'uomo." Gli eccessi gli estremismi non sono mai positivi, ma ci vorrebbe moderazione per ogni cosa.

 

 

 

طراحی وب سایتپارتیشنتهران کاشت